TERRORISMO : Bruxelles ancora blindata per il secondo giorno

Posted on Nov 22 2015 - 5:37pm by Fabrizio Palazzi

bruxelles blindata

Allerta 4 nella capitale belga anche domenica per timore attacchi ,si rifugerebbe in città ” Salah Abdeslam ” in attesa di tornare in Siria.

Secondo giorno consecutivo blindato per Bruxelles. Restano, quindi, in vigore anche domenica le raccomandazioni alla popolazione di evitare i luoghi affollati e di contattare gli organizzatori degli eventi per sapere di eventuali rinvii o annullamenti. «Al momento, il livello 4 di allerta per la regione di Bruxelles resta in vigore, l’analisi di venerdì notte ha detto che c’è una minaccia immediata che ha portato a misure drastiche e a raccomandazioni ai cittadini. Una nuova valutazione dell’antiterrorismo è attesa nel pomeriggio e su quella base saranno prese le decisioni», ha annunciato il centro anticrisi federale belga. 

Bruxelles è una città fantasma.bruxelles fantasma

La capitale  sta vivendo una domenica di coprifuoco per il timore di attacchi terroristici simili a quelli di Parigi. Le vie e i luoghi simbolo sono blindati , i locali sono chiusi e la metro ferma. Alle 17 il Consiglio di sicurezza nazionale si è riunito per fare il punto e decidere quali misure adottare.

Le forze speciali cercano una decina di uomini pronti a colpire. Nell’elenco c’è Salah Abdeslam, l’attentatore di Parigi che potrebbe nascondersi proprio a Bruxelles o nelle vicinanze. Salah – scrive Abc News online citando come fonte due suoi amici che hanno chiesto di non essere identificati – li ha chiamati la sera di martedì scorso chiedendo il loro aiuto per scappare in Siria. Avrebbero parlato al telefono via Skype. I due amici hanno raccontato che Salah Abdeslam si trova in difficoltà: se da una parte è il ricercato numero uno, dall’altra non sarebbe ben visto dall’Isis perchè non si sarebbe fatto esplodere durante gli attacchi dello scorso 13 novembre.

Per la polizia sarebbe stato Abdeslam a sparare indiscriminatamente fuori dai ristoranti e dalle caffetterie la sera del massacro. Abdeslam ha lavorato per un anno come vigilante per la compagnia belga di trasporti STIB, ma poi è stato licenziato. In seguito ha goduto degli assegni di disoccupazione, per poi darsi al consumo e al traffico di droga. L’ultima volta che è stato visto dai suoi amici è stato 10 giorni prima degli attacchi di Parigi.

Condividi:

Leave A Response